Provincia di Milano Ludobus Exchange di Nori Lazzarini Fondazione Italiana per la Fotografia
Sei in: Home Page > Cosa proponiamo
Fotogrammi | Camera obscura | The pencil of nature | Nello spazio magico | In viaggio con il Ludobus | Mostra: Afuera pasa el siglo | Mostra fotoINscatola | Una foto di classe molto speciale | La foto va in cornice | Fotolibri
Seleziona prodotto
Cosa proponiamo

Per prodotti s'intendono i nostri servizi che comprendono una serie di laboratori e di mostre rivolti a tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla fotografia seguendo l'esperienza molto particolare della "camera obscura".

Siamo a disposizione per articolare quest'esperienza in base alle esigenze di ognuno oltre ad essere disponibili a spostarsi su tutto il territorio nazionale, senza tralasciare progetti europei ed extrauropei.

Il Ludobus Exchange,trasformato in “camera obscura” ed in laboratorio di stampa propone una serie di laboratori per avvicinarsi e conoscere l’avventuroso mondo della fotografia.

Oggi c’è uno sviluppo velocissimo dell’applicazione delle nuove tecnologie, l’uso delle immagini digitali e virtuali stanno trasformando il modo di presentare la realtà influenzando anche il nostro modo di vedere.

Risalire alla storia della fotografia per capire e sperimentare tutto quello che serve per realizzare un’immagine con l’utilizzo di strumenti molto semplici come delle scatole trasformate in camere obscure ci rende consapevoli dei cambiamenti in atto e ci consente di usare più creativamente le nuove tecnologie.

Cos’è una “Camera obscura”

Tutti gli apparecchi fotografici, anche i più moderni, sono formati da una piccola camera oscura.

Che cos’è una “camera obscura”? E’ una espressione latina che significa “camera oscurata”.
L'effetto "camera obscura" si nota spesso durante le ore più luminose dell'estate, al chiuso di stanze nelle quali la luce filtra attraverso le persiane e proietta, capovolte sul muro o sul soffitto, le immagini del mondo esterno.

Precursori nell’ utilizzarla per osservare le eclissi furono gli arabi, ma Leonardo da Vinci fu uno dei primi a darne una esatta definizione:

"La sperientia che mostra come li obbietti mandino le loro spetie over similitudini intersegate dentro all'occhio nello umore albugino, si dimostra quando per alcuno piccolo spiraculo rotondo penetrano le spetie delli obbietti alluminati in abitatione fortemente oscura: allora tu riceverai tale spetie in una carta bianca posta dentro a tale abitatione lquanto vicina a esso spiraculo e vedrai tutti li predetti obbietti in essa carta colle loro proprie figure e colori ma saran minori e fieno sottosopra per causa della intersegatione li quali simulacri se nascieranno di loco alluminato del sole saran proprio dipinti in essa carta la quale vuole essere sottilissima e veduta da rovescio e lo spiraculo detto sia fatto in piastra sottilissima di ferro".
( Leonardo da Vinci - Codice Atlantico)
nella serra
bacioberlinese
aptercera
Davanti alle scatole
Il 14 febbraio alle 15,30 Apricale presso la Biblioteca Comunale
Vi aspettiamo per realizzare un Mini Memory con pi...

[Archivio]
treinposa
Info | Contatti | Credits