Provincia di Milano Ludobus Exchange di Nori Lazzarini Fondazione Italiana per la Fotografia
Sei in: Home Page > Progetti speciali > Un paese, una piazza,un volto...
Progetto Leonardo | Un paese, una piazza,un volto... | FotogramMemory
Seleziona progetto
Un paese, una piazza,un volto...

Omaggio a Cesare Zavattini, Paul Strand e Gianni Berengo Gardin.

Esiste un libro “Un paese” pubblicato originariamente in Italia nel 1955 da EinaudiAlinari nel 1997 destinato a rimanere un classico intramontabile.
Nel 1953, il grande fotografo americano Paul Strand propose a CesareZavattini di collaborare alla preparazione di un libro su un paese italiano, un paese inteso come specchio dello spirito di un popolo. Zavattini scelseLuzzara, dove era nato.
Nel paese d’origine lo scrittore raccolse le testimonianze della gente mentre Paul Strand ritrasse la collettività nel momento del trapasso dalla dimensione contadina alle trasformazioni del ventesimo secolo.
Il risultato di questa collaborazione interculturale è un bellissimo fotolibro dove testi e immagini ci accompagnano nel mondo del neorealismo italiano con un’attenzione particolare al rapporto fra l’uomo e il suo amore per la terra.
Nella prefazione del libro Cesare Zavattini scrive:
” Guardiamo insieme le fotografie di Paul Strand sotto le quali si leggono le confidenze dei miei compaesani. Le parole sono in sostanza dei miei compaesani, mi pare di non averne mai tradito lo spirito.
E questi che vedrete, che parlano, non li abbiamo scelti perché proprio loro avevano qualche cosa da dire, ormai si sa che tutti hanno qualche cosa da dire perciò mi sarebbe piaciuto interrogarne almeno un migliaio, fare un bel libronedando una pagina a ciascun luzzarese. Un’opera così la dovrei fare un giorno, è solo questione di buona volontà, o se non ci penserò io ci penserà qualche altro, e in un modo che mi auguro più profondo e completo, su uno qualsiasi dei luoghi abitati in Italia.”

Nel 1976 Giulio Einaudi Editore pubblica "Un paese vent'anni dopo" testi sempre di Cesare Zavattini e fotografie di Gianni Berengo Gardin. Luzzara,come dice Zavattini nella prefazione è sempre al suo posto, ma molte cose sono cambiate.
Il fotografo oltre a ritracciare i personaggi sopravvissuti tra gli stessi fotografati da Paul Strand , documenta la vita del paese e i suoi cambiamenti.

Ora, a partire da questi due libri si vuoleportare i partecipanti del laboratorio a realizzare una mostra e un libro “copia unica” fatto d’immagini e testo che rispecchino lo spirito del libro di riferimento per raccontare la realtà del proprio territorio.

Sono passati cinquant’anni, molte cose sono cambiate, ma la solidale attenzione verso il prossimo di questi due autori vuole essere d’esempio per avvicinare la propria realtà odierna.

Riprendere quest’idea, farla sviluppare attraverso i laboratori Fotoinscatola vuole essere un omaggio a Zavattini, a Strand e a Gianni Berengo Gardin.

Il risultato nel tempo sarà la realizzazione di un certo numero di fotolibri in copia unica che renderanno più vicina l’idea della collana“Italia mia”che Zavattini studiava di realizzare già nel 1953 con l’Editore Einaudi e di cui “Un paese” risultò essere l’unico volume in quanto, come dice Virgilio Tosi nella riedizione “era un libro troppo in anticipo sui tempi di sviluppo della cultura fotografica italiana”.

I laboratori FotoINscatola di riferimento per questo progetto sono:
“Camera obscura” e The pencil of nature.

I l preventivo dei costi è fornito a parte in base all’articolazione dei laboratori e al numero dei partecipanti.
Il 14 febbraio alle 15,30 Apricale presso la Biblioteca Comunale
Vi aspettiamo per realizzare un Mini Memory con pi...

[Archivio]
treinposa
Info | Contatti | Credits